di_maio_rosy

“Sono molto combattuta non so se ho fatto la scelta giusta!”Esordisce Rosa Di Maio e continua:Mi sta benissimo la candidatura di Ugo

De Crescenzo a Sindaco, ci mancherebbe altro.

Ma io credo che ancora una volta, come nel 2018 il fatto che Luigi VERRENGIA abbia scelto di non candidarsi non è riuscita a comprendere e c’è rimasta male!

il giorno anzi la sera del sabato 4 settembre la data della presentazione della lista per le amministrative a Carinola in una chiacchierata informale con me si chiede:”era il caso di candidarmi oppure no? È una situazione complicata non ti pare?”

Per una donna del suo calibro e della sua esperienza politica, numero uno in Forza Italia dopo l’on.Massimo Grimaldi ed oggi combattere combattere contro una lista che sembra essere l’invincibile armata non deve essere uno scherzo!

Lei non dice nulla su questo ventilato e non dimostrato accordo che sarebbe in atto tra Antonio RUSSO e la lista di Giusy Di Biasio con tre candidati consiglieri scelti o indicati da Russo, il numero tre che è stato fatale per ribaltoni relative ad altre amministrazioni.

Se è vero potrebbe capitare anche alla “invincibile armada” di “durare minga”!

Sarà a mio avviso anche esausta dopo le mille riunioni con i socialisti con e per Luigi VERRENGIA candidato finite con un nulla di fatto!

Non sa come so io da decenni che partecipavo ogni volta a via Roma a Caserta dove c’era la federazione del Garofano Rosso che lo sport preferito dai socialisti era quello di non andare d’accordo con altri socialisti!

Figuriamoci se trovano la quadra quando hanno a che fare con rappresentanti di altri partiti!dopo mille riunioni decide di non candidarsi potrebbe portare alle conclusioni più disparate.

Se non sbaglio mi sembra che Verrengia fece esattamente la stessa cosa in occasione delle amministrative che videro Franco Di Biasio candidato sindaco così come con De Risi sindaco si dimise dopo pochi mesi da assessore!

D’altra parte i socialisti non riuscivano a trovare un accordo neppure tra le anime della stessa frazione figurati se lo potevano trovare con quelle delle altre frazioni!

“Mio Dio ma dove sono capitata si sarà detta Rosa alla fine dell’ultima delle estenuanti riunioni alle quali ha pazientemente partecipato senza venire mai a capo di nulla!

Ce ne voleva qualcuna in più di consigliera uscente come lei per affrontare le emergenze endemiche del nostro comune che langue tra dimissioni e revoche di assessori, sindaci che aspettano la sfiducia e la mancata approvazione del bilancio per lasciare la poltrona per poi ritornare alla carica dando i nomi di tre candidati consiglieri nella lista ritenuta vincente per condizionarne forse la sopravvivenza in caso di contrasti !

Questa sarebbe secondo qualcuno la “buona stella” sotto la quale nasce la futura amministrazione !

Poi si chiede: Ma come mai l’auto pensionamento di Antonio RUSSO è coinciso con l’auto pensionamento di Antonella MIGLIOZZI?

Le risposte poi ripensandoci potrebbe darsele se le da eccome se se le da!

E queste sono le accorate parole di Rosa Di Maio in un comunicato che ha voluto affidarci e che riportiamo fedelmente qui di seguito!

“Abbiamo cercato in mille modi di trovare un’intesa con i giovani di Nocelleto che fanno capo al farmacista ma non ci siamo riusciti!
Cari amici, vi ringrazio per la grande solidarietà che sto ricevendo in queste ore.

Nei vostri occhi, c’è il mio stesso rammarico (inutile nasconderlo) per la mancata candidatura a sindaco.

Mi rendo conto che non tutti hanno capito o condiviso la mia scelta di candidarmi comunque a consigliere. Io stessa sono stata combattuta fino alla fine.

Il primo impulso era quello di mollare, non lo nego.

Però, la politica e’ condivisione e le scelte vanno prese insieme agli altri.

Carinola Riparte ospita diversi gruppi politici e tutti avevano un candidato sindaco.

Pertanto si è ritenuto opportuno convergere su un candidato sindaco estraneo ai gruppi, Ugo De Crescenzo.

Amico da anni, persona disponibile e che mi è stato a fianco sin dal primo giorno nella mia aspirazione alla candidatura a sindaco.

Sono convinta che darà prova di grandi qualità. Io avevo tre strade: restare a casa, candidarmi comunque a sindaco con una lista a cui già stavo lavorando, candidare qualcun altro al posto mio, come hanno fatto tanti ex.

Ho pensato che, restando a casa, avrei tradito coloro che hanno in me il loro punto di riferimento.

Fare una lista mia, invece, avrebbe portato un’inutile dispersione di voti, che serviva a me, per dimostrare la mia forza elettorale, ma non certo al bene di Carinola.

Candidare qualcun altro, infine, sarebbe stata una scelta comoda e di comodo, ma non era da me, che sono abituata a metterci sempre la faccia.

La scelta di candidarmi e’ stata dettata dal non abbandonare la mia terra e le persone che credono in me ed è stata frutto di una decisione condivisa dal gruppo di amici che mi avevano dato la disponibilità a candidarsi con me.

Il tutto a conclusione di una considerazione: un vero sportivo non abbandona mai il campo, portandosi via il pallone.

Firmato ROSA DI MAIO”

Scritto da:

Ceraldi Vincenzo

avvocato civilista blogger amministratore