084ABF76-80D2-4298-9C2F-3139EDF52FF6

Mentre presso tutti i Comuni d’Italia attende le firme di chi è contro la caccia e i cacciatori per la validazione ed il voto per il Referendum per l’abolizione della caccia e

conseguentemente dei cacciatori , referendum che dovrebbe raggiungere il non facile obiettivo di cinquecentomila firme che dovrebbe to pervenire anche online entro il 20 Ottobre, e secondo il Comitato promotore del referendum ne sarebbero state. raccolte ad oggi duecentomila quindi meno della metà di quelle necessarie.

Intanto però la Regione Marche pubblica su Repubblica un articolo dal titolo:”Carniere” ripreso dalla pagina Facebook di Lega Marche eccolo:

Titolo del manifesto dalla pagina Fb di Lega Marche: “Stagione 2021-2022. Marche Regione italiana con le più ampie possibilità di esercizio dell’attività venatoria”.

Sotto, il testo: “Grazie al lavoro della Lega in Regione i cacciatori marchigiani hanno a disposizione il maggior numero di giornate di caccia e di specie cacciabili”. Chiosa ai piedi del logo “Lega Salvini Premier”: “Dalle parole ai fatti”.

Insomma: un regalo alla lobby dei cacciatori.

Sono quasi 50 le specie cacciabili in Italia.

Ogni cacciatore ha la possibilità di cacciare un numero massimo di animali per ogni giornata venatoria, il cosiddetto carniere giornaliero, e un numero massimo per stagione.

Secondo i calcoli della Lav, basandoci sul numero di cacciatori italiani — circa 500mila — e sui carnieri delle sole Regioni Veneto, Lombardia, Sicilia e Toscana, ogni anno possono venire uccisi legalmente 400 milioni di animali, più di 4 milioni per ogni giornata venatoria.
pietre@repubblica.it

DI DI PAOLO BERIZZI”