franc_rino18

Non avrei mai immaginato che una poltrona per due avrebbe provocato tanto scompiglio se non

addirittura una vera e propria guerra fratricida! Non è possibile avere conferme dagli interessati ma sembra che esclusa la poltrona di assessora di Maria SORVILLO tutte le altre sono oggetto di dispute se non vere e proprie lotte senza quartiere anche tra gli stessi sponsor della elezione a consigliera comunale di qualche settimana fa e l’attuale eletta consigliera di maggioranza eletta. Voci indistinte che vorrebbero assessore Rino Di Cresce in giunta oltre che Franco Di Biasio e, perché no, Maria Palmese il cui presunto sponsor in uno si primi due, Pasquale Galdieri avrebbe rivendicato anche in questa amministrazione, nelle precedenti non c’era riuscito o forse non aveva neppure provato ad essere assessore! Franco Di Biasio che, come abbiamo già precisato,pur essendo parente, il grado di parentela con la nipote sindaca Giuseppina, può tranquillamente entrare in giunta ma c’è chi si oppone strenuamente alla ipotesi della compartecipazione nell’organismo con Rino Di Cresce! Gatte non facili da pelare !
Uscito praticamente dalla scena Antonio Russo che avrebbe sostenuto le candidate Pina Capriglione ed Elisa MAZZUCCHI e sbaglia chi, come anch’io in un primo momento, pensa che parte dei voti riportati dal neo eletto consigliere Giuseppe D’Amaro abbiano questa provenienza giacché sono quasi tutti frutto della simpatia del giovane e della sua personalità oltre che dell’impegno personale della famiglia oltre che professionale del padre arch. Paolo D’Amaro e del dott. Salvatore Apicerni medico di famiglia che non ha eguali ed è da sempre è a completa disposizione dei suoi pazienti!

Intanto c’è il sempre presente Giacomo Zampi che con la sua incrollabile calma olimpica infonde tranquillità e ottimismo!

Aspettando Godot! ?

No Franco, a differenza di Godot, arriva eccome sulla scena anzi c’è già e bisognerà dargli atto che principale artefice del lusinghiero risultato ottenuto e non certo grazie a sponsor extracomunali o regionali, viste le condizioni pessime in cui versano strade comunali e provinciali mitragliate da interminabili lavori ancora in corso e non sappiamo ancora quando avranno fine!