72FDD943-5AC8-4DBB-AFC9-CCC4FC0C3172

COMUNICATO STAMPA: Parte Ufficialmente la Campagna “Basta Botti 2021” da parte del Partito Animalista Italiano per invitare Prefetture e Comuni a Vietare Botti, petardi, mortaretti in questo fine anno

Parte oggi 01 dicembre 2021 la Campagna nazionale “BASTA BOTTI 2021” del Partito Animalista Italiano, insieme ai suoi partner tra cui l’associazione nazionale dei consumatori “Difesa Consumatori e Contribuenti”.
Anche, e proprio, quest’anno riporta il portavoce della Campagna, Avv. Cristiano Ceriello, è ancora più forte l’esigenza di tutelare i più deboli ed il rispetto sociale.

Negli ultimi due anni di medesime campagne, come sostiene il Partito Animalista Italiano, molti Comuni hanno già vietato i cosiddetti “botti di capodanno” in quanto l’indiscriminato caos, l’inquinamento dovuto dalla diossina dei botti, i rumori da esplosioni che provocano danni ad ambiente e animali (anche domestici), violano anche l’art. 13 del Trattato di Lisbona li tutela e i Comuni sono comunque da ritenersi responsabili in caso di danneggiamenti a cose, persone, animali o terzi, per danni provocati dai “botti” ed esplosioni da fuochi artificiali nel territorio di competenza.

Eppure molto c’è da fare, soprattutto in questi tempi di pandemia è fondamentale il rispetto della legalità e di un senso che rispetto gli altri.

L’iniziativa #BastaBotti2021, sollecita anche i cittadini a successivi risarcimenti dei danni provocati appunto dai “botti di capodanno” e di cui si riterrà, pertanto, responsabile per “culpa in vigilando” il Comune, pur a seguito delle diffide intervenute prima del 31.12.2021.

Molti Comuni in Italia hanno già deliberato da anni il divieto, altri sono titubanti, altri ancora totalmente silenziosi al riguardo.

Pertanto, anche tramite le Prefetture Italiane, l’iniziativa prosegue per ottenere il maggior numero di divieti possibili ricordando come sia accertato che fuochi e botti di capodanno, con la propria diossina, siano di gran lunga più inquinanti delle note emergenze rifiuti che hanno martoriato il territorio italiano.
Pure grazie ai partner, come “Difesa Consumatori e Contribuenti”, il Partito Animalista Italiano punta all’ambizioso obiettivo di rendere metà dei comuni italiani “botti free”.

Proprio per questo, sempre il Partito Animalista Italiano ha anche attivato una mail dedicata alla segnalazioni per tutto il periodo della campagna: bastabotti2021.pai@gmail.com

Scritto da:

Vincenzo Ceraldi

Avvocato cassazionista blogger da oltre un ventennio innamorato della sua terra e della sua famiglia che lo corrisponde! Amministratore comunale dal 2003 al 2008.