MONDRAGONE

L’<Amministrazione Pacifico> fa enorme fatica, a parere dell’AMBC, ad affrancarsi dalla mera attività ordinaria, dalla routine amministrativa e dalla burocrazia del giorno per giorno. Almeno in questi primi mesi e stando ai

Dopo alcune segnalazioni sulla situazione all’interno della cappella centrale del cimitero comunale di Mondragone, stamattina abbiamo inoltrato una nota al Sindaco per chiedere all’amministrazione di predisporre la pulizia dell’area in vista della festività dei morti, oltre a far

A margine del tavolo di lavoro dei "Moderati", tenutosi ieri pomeriggio all'hotel Vanvitelli di Caserta, il consigliere regionale Giovanni Zannini ha annunciato l'ingresso presso la propria segreteria regionale dell'ex consigliere provinciale ed attuale consigliere comunale di Lusciano Giuseppe Abate, con delega all'ambiente e ai rapporti con la provincia di Caserta. "La nostra squadra - ha dichiarato Giovanni Zannini - si arricchisce di un altro importante elemento, che porterà esperienza e conoscenza nel settore ambientale e nella gestione dei rapporti con l’ente provinciale." Soddisfatto anche il Sindaco di Lusciano Nicola Esposito che ha formulato i propri" auguri, ad un uomo politico competente ed un consigliere comunale di lunga esperienza, giustamente valorizzata dall'on. Giovanni Zannini."

Schiappa: L'eccidio delle Corsole ha contribuito a far ottenere il più ambito riconoscimento civile della Repubblica Italiana alla Comunità Mondragonese. La ritirata dei nazisti, con inumana ferocia, insanguinava Terra di Lavoro ed il 21 ottobre del 1943, in localita’ Corsole a

“E’ alquanto miope sottovalutare- come tenta di fare qualcuno- i problemi legati alle migrazioni, fortemente intrecciati con quelli della sicurezza urbana, della socialità e del contrasto ai pregiudizi. La sicurezza urbana, a parere dell’AMBC, è un bene primario, è un tema strategico nel governo della Mondragone di oggi (come di tutto il Litorale Domitio). La percezione che i cittadini hanno rispetto al grado di sicurezza della propria città va considerata appieno, soprattutto quando ad esprimere insicurezza sono fasce deboli della popolazione. Per l’AMBCoccorre essere fermi su una premessa: al decoro urbano ed al rispetto dei beni pubblici e della legalità devono sottostare tutti. Senza eccezione alcuna! Tuttavia, occorre essere decisi anche nel rifuggire da preordinati allarmismi, da ingiustificate ed artate paure e da false emergenze.Ben sapendo che il fenomeno migratorio richiede un approccio integrato delle politiche pubbliche locali, in grado di conoscere-innanzitutto- le sue dinamiche evolutive (sapendole poi monitorare costantemente), così come di prendere in considerazione, progettare ed implementare azioni di controllo del territorio, di accoglienza, di inclusione, di convivenza, di doveri da esercitare, ma anche di diritti da salvaguardare. A Mondragone si sono create da tempo delle <enclave> ove il disordine urbano, la difficile convivenza e forse l’illegalità sembrano farla da padrone. E ciò è intollerabile! A Mondragone il fenomeno migratorio significa anche lavoro nero, affitti in nero e sfruttamento. E questo è indegno per una civile comunità! Ecco perché fanno una certa impressione le scomposte reazioni di chi di fronte a qualche delinquente ed a qualche episodio di teppismo urbano grida alla suburra. Così come <fa specie> il <bla bla> di chi ha avuto la responsabilità di governo della città per tanti annied oggi pontifica ignorando ciò che avrebbe potuto fare e non ha fatto. Ma fa una brutta impressione anche il dilettantismo e la balbuzie politica dell’<Amministrazione Pacifico>, incapace di mettere in campo idee e azioni su questo tema cruciale per Mondragone ed il territorio. E’ facile (almeno in questa fase …)farsi fotografare un giorno sì e l’altro purein un cantiere regionale e lanciare l’ennesimo comunicato stampa. Meno agevole partorire qualche idea su questi temi e riuscire a metterla in pratica. Dove sono gli assessori, i consiglieri delegati, i rappresentanti di ben altre Istituzioni, i tanti consulenti e <consigliori>? <Pacifico, reagisci, rispondi, dì qualcosa e dai, rispondi, Pacifico, dì una cosa di sinistra! Dì una cosa anche non di sinistra, di civiltà! Pacifico, dì una cosa, qualunque cosa, reagisci …>. L’AMBCanche su questo tema dà la propria disponibilitàpolitica a collaborare. Basta chiamarci al tavolo di coordinamento del Patto Civico.

Parte in quarta il Nuovo Comandante della Polizia Urbana di Mondragone Magg. Antonio DI NARDO erano appena trascorsi quindici giorni dal decreto con il quale il Sindaco di Mondragone dott. Virgilio PACIFICO, che lo ha voluto fortemente, ha sottoscritto il decreto con

E’ indescrivibile il nostro stato d’animo alla luce della decisione presa ieri dall’amministrazione dopo l’incontro in prefettura. Il Sindaco e la sua giunta, dopo gli episodi degli ultimi giorni ai Palazzi “Cirio”, hanno deciso di lavarsene le mani e cedere ai proclami di chi in questi giorni

“Una delegazione dell’AMBC ha avuto oggi-12 Ottobre 2017- un incontro con il presidente del Consiglio Comunale, Claudio Petrella. Il presidente si è impegnato a portare nell’Assemblea consiliare il Regolamento per l’<Amministrazione condivisa>, comprendente anche il

Schiappa: "Con la nuova localizzazione delle farmacie sul territorio di Mondragone Zannini, Conte, Rizzieri, Piazza e il Sindaco Virgilio Pacifico hanno ucciso il cuore antico della nostra Città.

Mondragone, Schiappa: le tematiche dell'immigrazione e dell'integrazione non potevano e non possono essere utilizzate a

scopi elettorali.<< Durante la scorsa campagna elettorale l'argomento relativo alla presenza massiccia dei bulgari in Città è stato utilizzato contro la precedente Amministrazione comunale.

CASERTA. Le elezioni provinciali 2017 sono alle porte. Dopo il bagno di folla della presentazione della lista “Moderati” ed il summit con i sindaci al plana resort di sabato scorso, il consigliere regionale Giovanni Zannini traccia un bilancio del percorso fatto in vista delle elezioni di giovedi

In queste ore la città sta assistendo a un dibattito politico e mediatico imbarazzante. Gli episodi di violenza dei Palazzi “Cirio” degli ultimi giorni hanno rivelato i limiti di un’azione amministrativa assolutamente inadeguata.