VEDREMO CHI SARA' IL VASO DI COCCIO. . .

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Non è che non sappia più farmi di conto e neppure voglio ricordare quanti anni fa un personaggio davvero straordinario , lui sì davvero mitico, don Adelchi FANTINI, si presentò al mio studio nel centrale e famoso quartiere di S.Nicola a Mondragone e mi presentò Gian Paolo ROMANO, all'anagrafe Giovanni ROMANO, chiedendomi nel contempo di fargli da tutor nella pratica forense. Era il parroco della mia Parrocchia, parroco che avrebbe poi battezzato due dei miei tre figli nel periodo in cui abitavo nella celebre città domitia.

Accanito lettore di ogni genere di libri e appassionato di Cult Movies, Gian Paolo, così mi è sempre piaciuto chiamarlo, è stato sempre un ambientalista e insieme ad un gruppo di amici, complice  anche il treno per pendolari che portava a Roma, amici che promossero un'amministrazione guidata dal Dott. Luigi NUNZIATA nella quale, se non ricordo male, anche lo stesso Giovanni trovò posto come assessore.

Alcuni di questi amici , in particolare Gianni CAPRIO, fu in un certo periodo durante il quale ero consigliere comunale di opposizione a CARINOLA fu anche vicino al sottoscritto per la redazione del primo statuto comunale a CARINOLA.

Ne è passata di acqua sotto i ponti da quest'epoca ma il rapporto con Giampaolo non ha mai fatto una piega senza che mi venisse l'idea di diventare VERDE così come non ebbe fortuna il tentativo, sventato al nascere probabilmente da parte dello stesso Alfonso PECORARO SCANIO, all'epoca leader di questo partito, addirittura di presentarmi candidato alla camera dei deputati.Ero consigliere comunale di CARINOLA nel PSI ed in questo partito fui candidato alla camera con Francesco DI MARTINO nel 1975, avevo il n.15 e fui  uno dei sei candidati della nostra provincia. Nel 1978 vi fu il Congresso di TORINO dove CRAXI divenne segretario e Claudio SIGNORILE suo vice e a quello di PALERMO1992 poi essere socialista divenne non proprio popolare