lorenz_edoardo

Tanti anni e tante amministrazioni diverse , molti degli stessi ” protagonisti ” delle passate fallimentari giunte , battono già

da tempo i marciapiedi per accreditarsi per il prossimo quinquennio , conquistare la ” guida ” del Comune, passando con disinvoltura assoluta ora a stare di qua e domani a rinnegare se stessi, ma nessuno di essi ha mai mosso un dito per immaginare di creare un isola ecologica ove poter conferire rifiuti ingombranti, rifiuti speciali ed altro tipologie di rifiuti non compatibili con la raccolta porta a porta . È chiaro che in discussione non c’è solo l’isola ecologica ma disimpegni e negligenze totali.
No problem!
Ci pensa il cittadino ” fai da te ” , così in ogni angolo del nostro territorio comunale puoi trovare un’accogliente isola ove puoi ” vomitare ” di tutto : puoi abbandonare rifiuti inerti, rimanenze di vernici, puoi bruciare ovunque vecchi materassi e gomme di auto, quintali di plastica proveniente dagli scarti di quella usata in agricoltura e poi ancora abiti consunti e scarpe vecchie e comunque ogni cosa che ti appare fastidiosa oppure ti è di troppo, purché non ti faccia notare. Mi raccomando non dimenticare, come detto, molti di questi personaggi tra qualche mese, qualcuno in verità già ha iniziato a farlo da tempo, anche con colloqui di lavoro o soluzione di problemi di ” altro genere ” e sempre per tuo bene, verranno a bussare alla tua porta per chiederti il voto che ti consentirà di poter esprimere tutta la tua ” libertà ” tutto il tuo ” arbitrio ” , non perdere l’occasione, prometti, ma sopratutto conferma poi loro la fiducia con il voto e vivrai in un Comune ” libero” , tu stesso potrai continuate a fare quello che vorrai, per questo sarai una ” rispettata ” persona libera, come sempre lo sei stata… e continuerai a vivere in un Comune ove non ti sentirai affatto umiliato nel raffronto con
con gli sprovveduti cittadini di Comuni confinanti che hanno l’ardire di cambiare e restii a colloqui di lavoro e restii a scorciatoie per la soluzione di problemi di ” altro genere “, forse perché a loro interessa più una visione di bene comune che un volgare ed improbabile vantaggio individuale che si riverbera in danno della collettività.

Lorenzo Razzino

Potrebbe anche interessarti...